Fiorentina-Cagliari 3-0. La vittoria della ragione. Vlahovic e Saponara top. Bene Maleh

Pubblicità

Terracciano: 6. – Il Governo ha aumentato la capienza degli stadi dal 50 al 75% lui era evidentemente nel 25% in più. Non corre pericoli se non nei primi 6 minuti ma li controlla senza problemi.

Venuti: 6 – Partita accorta, facilitata dagli avversari ma non concede niente e controlla senza problemi la sua fascia.

Milenkovic: 6 – Il Joao Pedro di oggi si marcava da solo, ma almeno questo volta non fa errori .

Martinez Quarta: 6,5 – Non capisco come questo giocatore posso stare fuori, il miglior difensore che abbiamo, veloce e di buon piede in perfetto stile italiano, piano piano si sta anche deargentinizzando ed è meno irruento.

Biraghi: 6,5 – Da capitano si prende la responsabilità del rigore proteggendo così il suo compagno di squadra, gesto nobile e coraggioso, anche lui come il suo compagno di destra controlla la fascia senza grossi problemi.

Bonaventura: 6 – La sua immensa classe di vede a tratti, un bel tiro nel primo tempo, diverse imbucate che riempiono gli occhi, non sembra però lucido per tutti i 90 minuti, le nove partite da titolare forse si cominciano a sentire.

Torriera: 6,5 – Fa quello che deve fare senza strafare, il regista: guida la squadra con esperienza.

Maleh: 7 – Forse il voto è eccessivo ma parafrasando De Gregori: il ragazzo si farà, buona gamba corsa e tiro migliorabile ma già discreto-

Gonzalez: 7,5 – Salta l’uomo con un facilità estrema e solo per questo dovrebbe giocare sempre, anche quando torna dall’Argentina. Forse ancora un pò fumoso in fase conclusiva anche se il gol è la cosa più facile che ha fatto durante la partita, è un piacere vedere le sue accelerazioni.

Vlahovic: 7,5 – Lo so, fa rabbia pensare che andrà via, fa rabbia pensare che ci ha preso in giro, ma ad oggi è un giocatore indispensabile, anche se ogni tanto sbaglierà una partita a 21 anni è quasi un diritto. Fischiarlo è puro autolesionismo, forse umanamente ha deluso ma dal punto di vista professionale niente da dire.

Saponara: 8 – Usa i piedi per pennellare opere d’arte, come quel tiro a inizio partita che per poco non sorprende Cragno o quell’altro che, dopo una traiettoria dipinta, si va ad infrangere sul palo e poi tanti assist praticamente telecomandanti, giusta la standing ovation che lo stadio gli ha riservato al momento della sostituzione.

Terzic: s.v.

Castrovilli : s.v.

Callejon s.v.

Italiano: 8 – Applausi per lui, non solo per la netta vittoria, ma anche per come ha gestito la vicenda rigore Vlahovic, non avergli fatto tirare i rigore lo ha messo al riapro ad una possibile contestazione che avrebbe definitivamente rovinato i rapporto con i tifosi. Un allenatore deve aver il coraggio di prendere certe decisioni. Questa volta anche la formazione è più da Italiano con un centrocampo più propositivo e Quarta al posto di Igor e i risultati si sono visti, da sottolineare anche la perfetta gestione di Saponara.

Pubblicità
Condividi
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo gli accessi a questo sito.
  • _gtag

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi