fiorentina-inter

Fiorentina-Inter 1-2, ecco a voi Bonaventura

Pubblicità

Terracciano: 6 – Non è fortunato (dopo una respinta poco seria) quando tenta di opporsi a Sánchez, causando il rigore, giustamente assegnato da Massa in collaborazione col Var. Non dà sicurezza nell’arco dei 90 minuti, ma si rifà nei supplementari negando il gol a Lukaku. Nulla può sul colpo di testa del numero 9 nerazzurro.

Milenkovic: 6,5 – Ancora una gara ordinata, gestita sempre con grande attenzione.

Martínez Quarta: 7 – Questo è un ottimo giocatore, prova sempre a giocare d’anticipo e spesso ci riesce. Impeccabile in chiusura, peccato per l’episodio che – a soli due minuti dal termine dell’incontro – porta l’Inter alla vittoria: il difensore argentino subisce un blocco da Lukaku (non preso in considerazione dal direttore di gara).

Igor: 6 – Un po’ in difficoltà nei primi 45 minuti, perché ha un passo diverso dagli attaccanti avversari; riesce comunque a restare bene in partita. Cerca sempre di evitare lanci lunghi, provando (a volte correndo qualche rischio) a costruire.

Cáceres: 6 – Copre la fascia con buona dinamicità fino al momento del cambio con Venuti.

Amrabat: 7,5 – Molto bene, è il faro del centrocampo, il regista a tutto campo. Tanti i palloni recuperati, così come quelli giocati. È in forma e adesso ricorda il bel giocatore che è stato nella passata stagione.

Bonaventura: 8 – Non era tra gli undici titolari, ma parte dal primo minuto causa forfait di Borja Valero. È l’uomo del match: 120′ di grande intensità, dribbla, crea superiorità numerica, spinge e conclude; decisivo anche in fase difensiva. Ecco, questo sì che è il vero Jack! Sontuoso.

Castrovilli: 7 – Anche lui è protagonista di un’ottima prova, inventa sulla tre quarti, è quasi imprendibile e si sacrifica rientrando talvolta fino alla propria area. Ancora in crescita.

Biraghi: 6 – Più che altro una prestazione difensiva che, tutto sommato, non è così male; si fa anche vedere in avanti, ma non crea spunti pericolosi.

Eysseric: 4,5 – Prende il giallo dopo 5 minuti, corre poco ed è fuori dal ritmo partita; sembra di una categoria inferiore, speriamo che la sua avventura fiorentina sia giunta al capolinea.

Kouamé: 6,5 – Primo tempo evanescente, salvo un’azione con cui si procura un rigore (inesistente, rivisto al Var). Unica (e prima) punta fino al secondo tempo: quando viene affiancato da Vlahovic dà la sensazione di muoversi meglio. Segna uno splendido gol al sette dal limite dell’area e lavora bene fino al cambio.

Vlahovic: 6 – Combatte come sempre, cerca di far valere la sua fisicità facendo a sportellate con i diretti avversari. La sua presenza dà più concretezza in fase di attacco. Non arriva su un bell’assist di Bonaventura.

Venuti: 6 – Entra al posto di Cáceres, ha un gran lavoro da fare sulla fascia di competenza. L’Inter, infatti, spinge molto sulla sinistra e riesce a mettere in area palloni insidiosi. Prova in un paio di occasioni a impegnare Handanovic.

Callejón: 5 – Come Kouamé nel primo tempo: impalpabile, nonostante non si risparmi, rincorrendo gli avversari. Come seconda punta o come rifinitore dietro il centravanti non funziona. Soprattutto se in posizione accentrata.

Prandelli: 6,5 – Borja Valero, inserito inizialmente negli undici titolari, si blocca nel riscaldamento. Così Prandelli è costretto a rivedere la formazione e decide di mandare in campo Bonaventura. Una scelta di ripiego che dà invece una marcia in più alla Fiorentina, perché l’ex Milan oggi è particolarmente ispirato.
Si parte con un 3-4-2-1 (Ribery non è recuperato e si accomoda in tribuna) che evidenzia, almeno nella prima frazione di gioco, una buona fase difensiva, tenendo presente la caratura dell’avversario. Ripresa ben diversa, con i Viola – giocoforza – con due punte e costantemente presenti nella metà campo interista, spesso anche con possesso palla. L’ingresso di Vlahovic ha sicuramente portato più vantaggi rispetto al cambio Venuti-Cáceres.
In sostanza, oggi la Fiorentina e quella che vorremmo che fosse, peccato per l’episodio finale che, comunque, non macchia una grande prestazione.
Per Prandelli un mezzo voto in meno solo per non aver sfruttato tutti i cambi a disposizione, anche se a disposizione non aveva granché (Duncan, Barreca, Montiel, Krasted, Dalle Mura…).

Pubblicità
Condividi
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo in forma anonimizzata gli accessi a questo sito.
  • _gtag

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi