Le pagelle dell’avvocato: Cagliari-Fiorentina 0-0. Questo non è calcio!

Pubblicità

Questa sera niente pagelle. Questa partita non merita pagelle, perché a Cagliari non si è giocata nessuna partita di calcio. 22 giocatori sono scesi in campo per un passeggiata di 95 minuti circa; mi è tornata in mente la partita Fiorentina-Genoa di due anni fa: sono passati due anni, proprietà diverse, ma la Fiorentina è sempre lì a salvarsi grazie a un biscotto. No, così non mi piace e dovremmo anche ringraziare chi ci mostra questo scempio? Mi dispiace, non sarò politicamente corretto, ma io Iachini non lo ringrazio affatto, non mi dimentico l’anticalcio a cui abbiamo dovuto assistere nell’ultimo anno e mezzo.

Finalmente, però, questa stagione sta giungendo alla conclusione, una delle più brutte degli ultimi 20 anni, una stagione che, se non fosse stato per Vlahovic e Dragowski, ci avrebbe visto molto probabilmente retrocedere in Serie B e l’esplosione di Vlahovic non è certo merito di Iachini che, a inizio stagione, gli preferiva Kouamé e Cutrone. Non oso immaginare cosa sarebbe successo se fosse stata data quella continuità, citata da Iachini in conferenza stampa, e non fosse mai arrivato Prandelli. Mi vengono semplicemente i brividi a pensarci.

Da domani, quindi, dimentichiamo tutto, bisogna pensare al futuro, un futuro con un vero allenatore in panchina, un allenatore che pretenda giocatori veri e non figurine, un allenatore che possa riportare la Fiorentina dove merita, ovvero tra le prime sette, che ci faccia finalmente divertire e che semplicemente metta al bando partite come quelle di oggi.

Da luglio voglio vedere una squadra fatta con intelligenza, con cervello e non improvvisata, non voglio più vedere ripetere gli errori fatti negli scorsi anni, voglio tornare a divertirmi a gioire per le vittorie, ad arrabbiarmi per le sconfitte, voglio che Firenze si liberi da questa coltre di mediocrità che la sta avvolgendo da anni e torni l’attesa per la partita che conta, cosa di cui sento la mancanza.

E sopratutto voglio che l’obiettivo della Fiorentina torni ad essere l’Europa e non la parte sinistra della classifica. Non posso provare alcuna gioia per la salvezza conquistata, la gioia è un sentimento troppo nobile da sprecare per un obiettivo così mediocre, quello che provo è sollievo, la gioia la preservo per obiettivi più nobili.

Pubblicità
Condividi
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo gli accessi a questo sito.
  • _gtag

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi