Fiorentina-Hellas Verona, un punto e a capo

Pubblicità

Anche stavolta niente di fatto. Una partita condizionata, almeno nel primo tempo, da un arbitraggio del tutto imbarazzante. Fourneau certamente il peggiore in campo. Una Fiorentina che nel primo tempo lascia nuovamente intravedere quella voglia vista nel secondo tempo della partita con il Sassuolo. Ma ancora troppo poco.

Aspetti positivi. Dragowsky ancora il migliore in campo. Una difesa certamente più solida. Il Verona non impensierisce mai seriamente la Fiorentina. Vero è che mancava il titolare Di Carmine ma certamente è stata una difesa compatta e che ha badato al sodo. Ricordiamo che il Verona è una squadra che ha sempre messo in difficoltà con le proprie veloci ripartenza. E oggi non si sono viste.
Il centrocampo, con Bonaventura, ha avuto anche soluzioni interessanti. Amrabat meglio in fase difensiva che d’appoggio all’attacco. Castrovilli più al centro del gioco ma ancora lontano dalla sua forma migliore. Vlahovic bene nel primo tempo. Forse troppo solo nel secondo, quando Ribery cala e esce Bonaventura.

La realtà è che la tensione condiziona ancora troppo una Fiorentina alla ricerca della prima vittoria scaccia crisi.
Prandelli ancora non è riuscito a dare uno schema d’attacco a questa Fiorentina che sembra più alla ricerca di un modo per non prendere gol che di una soluzione per scardinare le difese avversarie.

Il grande problema è che questa Fiorentina crea troppo poco e ha segnato solo tre gol di cui due su rigore e uno su calcio d’angolo da parte del difensore Milenkovic. Davvero troppo poco.
A gennaio occorre prendere una punta vera per cambiare le cose e partire con qualche certezza in più sin dalla prima partita dell’anno nuovo. Anche perché martedì c’è la Juventus e la Fiorentina potrà avere una posizione in classifica ancora peggiore, se possibile.

Occorre ritrovare se stessi ma soprattutto ritrovare la vittoria. Fa molto male vedere la Fiorentina in questa posizione, dietro squadre come Benevento, Spezia o Parma.

Pubblicità
Condividi
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati che raccogliamo (cookie) ci permettono di capire come utilizzi il nostro sito, quali informazioni ti potrebbero interessare e cosa possiamo migliorare per rendere più coinvolgente la tua esperienza di navigazione.

Possiamo raccogliere e utilizzare i dati per offrirti un'esperienza personalizzata?

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico per poter migliorare le prestazioni del nostro sito web.

Monitoriamo in forma anonimizzata gli accessi a questo sito.
  • _gtag

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi